Chi siamo

Villa Sofia è un bed and breakfast (B&B) di nuovissima costruzione, immerso tra il verde degli ulivi del Salento a due passi dalle spiagge di Porto Cesareo, vera perla dello Jonio.

È la meta ideale per chi intende trascorrere alcuni giorni all’insegna della tranquillità e del benessere.

A poche centinaia di metri dal B&B si possono raggiungere i diversi stabilimenti balneari che costeggiano le marine di Porto Cesareo, facendone uno dei punti di balneazione tra i più qualificati d’Italia.

Scoprirete gli arenili di Porto Cesareo, con bianche spiagge e scogliere affioranti, da molti conosciute come dei veri e propri angoli di paradiso.

Il B&B Villa Sofia, inoltre, si colloca nelle immediate vicinanze di importanti centri turistici del Salento:

Indirizzo

B&BVilla Sofia
Via Mare Arabico, 75,
73010 Porto Cesareo LE

P: 339 8662089
E: info@bebvillasofia.com
W: www.bebvillasofia.com

Porto cesareo

Il territorio del comune di Porto Cesareo, situato nella parte nord-occidentale della pianura salentina, ricade nella Terra d’Arneo, ovvero in quella parte della penisola salentina compresa nel versante ionico fra San Pietro in Bevagna e Torre dell’Inserraglio.

Sede dell’Area Marina Protetta e della Riserva Naturale Orientata Regionale Palude del Conte e Duna Costiera.

Le splendide spiagge si estendono per più di 15 km e, le cristalline acque del mare fanno di Porto Cesareo una delle mete estive più ambite del Salento.
Numerosi gli stabilimenti balneari presenti su tutto l’arenile, tanti i ristoranti che offrono buonissimi piatti di mare.Inoltre, le masserie e gli agriturismo dell’entroterra offrono un tocco di salentinità ai sapori della cucina.
A 30 km da Lecce, capoluogo di provincia e straordinaria cittadina barocca.

Leverano

A 10 chilometri dal centro storico di Leverano, paese basato principalmente sulla coltivazione dell’olivo e degli ortaggi. Importantissima è la viticoltura con i tipici vigneti Negroamaro e Malvasia. Numerose sono le cantine che producono ottimi vini. Tra le più importanti ricordiamo la Cantina Sociale di Leverano e la Cantina privata dei Conti Zecca.

Inoltre, la floricoltura, la cui produzione avviene quasi esclusivamente in serra, rappresenta un fiore all’occhiello per tutto il salento.

Tanti sono gli appuntamenti annuali. Tra i più importanti ricordiamo:

Note Fiorite – seconda metà di maggio. Manifestazione floricola in cui i produttori locali presentano le loro composizioni per le vie del centro storico;

Fiera delle Ciliegie – 4ª domenica di maggio. Legata ai festeggiamenti della Madonna della Consolazione;

Festa Patronale di San Rocco – 16 agosto. Festa popolare tradizionale con processione, luminarie, concerti bandistici, spettacoli musicali, fuochi pirotecnici;

Novello in Festa – metà novembre. Percorsi enogastronomici e degustazione del vino novello;

Festa della birra– inizio agosto. Enogastronomia e degustazione di più di 100 tipi di birra.

Lecce

A 30 chilometri da Lecce. Situata nella parte più pianeggiante del Salento, al centro di un’area densamente popolata. Capoluogo e maggiore centro culturale della penisola salentina, sede dell’omonima arcidiocesi e dell’Università del Salento, dista 11 km dalla costa adriatica e 23 km da quella ionica. È il capoluogo di provincia più orientale d’Italia.

Attiva nei settori dell’agricoltura (oliovinocereali), dell’artigianato (ceramica, cartapesta) e del turismo culturale e balneare, è la città dove più elaborato è stato lo sviluppo dell’arte barocca sfruttando le caratteristiche della pietra locale, la pietra leccese. Si parla, infatti, di barocco leccese e, per la bellezza dei suoi monumenti, la città è definita la Firenze del Sud.

Gallipoli

A 20 Km dal porto di Gallipoli. Situato lungo la costa occidentale della penisola salentina, è il quinto centro della provincia per numero di abitanti. È sede, insieme a Nardò, della Diocesi di Nardò-Gallipoli.

La città è protesa sul mar Ionio ed è divisa in due parti: il borgo e il centro storico. Il primo è la parte più recente della città, costruita su una penisola che si protende nello Ionio verso ovest. Il centro storico, invece, si trova su un’isola di origine calcarea, collegata alla terraferma attraverso un seicentesco ponte ad archi. Di notevole importanza storico-naturalistica è l’Isola di Sant’Andrea, circa un miglio al largo del centro storico.

Otranto

 A 50 chilometri da Otranto. Situato sulla costa adriatica della penisola salentina, è il comune più orientale d’Italia: il capo omonimo, chiamato anche Punta Palascìa, a sud del centro abitato, è il punto geografico più a est della penisola italiana.

Dapprima centro messapico e romano, poi bizantino e più tardi aragonese, si sviluppa attorno all’imponente castello e alla cattedrale normanna. Sede arcivescovile e rilevante centro turistico, ha dato il suo nome al Canale d’Otranto, che separa l’Italiadall’Albania, e alla Terra d’Otranto, antica circoscrizione del Regno di Napoli. Nel 2010il borgo antico è stato dichiarato dall’Unesco patrimonio testimone di una cultura di pace. Fa parte del club I borghi più belli d’Italia.